Clicmedicina s

Mi è stata prescritta una ecografia transrettale prostatica il risultato è:

echi capsulari integri

Dall’esame ecografico riportato non si evidenzia alcun tumore. In caso di tumore è presente area ipoecogena nella la porzione periferica della prostata. Si tratta invece di una prostata che in precedenza è stata oggetto di processi infiammatori e la guarigione si è avuta mediante calcificazioni sparse all’interno della ghiandola. In pratica le calcificazioni sono dovute prima al rallentamento del circolo, in una determinata zona, per cui le sostanzapresenti nel siero precipitano formando le calcificazioni. Per escludere però un eventuale tumore è necessario conoscere il dosaggio del PSA e soprattutto la visita dell’urologo, attraverso l’esplorazione rettale

altre: presenza di infiltrati plurimi sclero calcifici peri/uretrali.

Vi ringrazio in anticipo

litiasi calcificazioni: presenti plessi prostatici normali similarità dei livelli contigui conservata 20 vescichette seminali normali

longitudinale 48.9 mm

diametri: ant.post. 33.2 mm

Gradirei sapere se si tratta di un carcinoma una neoplasia o altro dato che il mio urologo vedrò il risultato tra dici giorni vorrei sapere di cosa si tratta di preciso visto che alle volte questi esami se non fatti bene danno risultati sfalsati.

La cura varia a seconda della grandezza dei calcoli e dei problemi da essi creati. Nel caso di calcoli molto piccoli, potrebbe essere utile cambiare l’alimentazione preferendo cibi leggeri e bevendo molta acqua. Nel caso di calcoli che causano infiammazione, potrebbero essere necessari antibiotici per eliminare i batteri.

  • Sali;
  • Ossalati di calcio;
  • Reflusso di urina;
  • Anomalie delle vie urinarie;
  • Contrazioni muscolari anomale durante la minzione.

I sintomi dei calcoli alla prostata sono simili a quelli della prostatite, ovvero:

Le cause dei calcoli alla prostata sono varie e possono essere dovute ad eccessi di:

Se avvertite questi sintomi, contattate il vostro medico e chiedetegli cosa fare, cercate di non trascurare i calcoli alla prostata per evitare che si infiammino e causino ulteriori problemi. I calcoli vanno asportati per essere controllati e per assicurarsi che non siano spia di nulla di grave.

Per individuare le cause è in genere necessaria un’ecografia sovrapubica, oppure un’ecografia trans-rettale. Questo tipo di esami sono di solito richiesti per altri tipi di problematiche relative alla prostata, molto spesso i calcoli vengono scoperti per “caso”. Nel caso in cui i calcoli prostatici siano molto grandi, il medico potrebbe riuscire ad individuarli anche durante una normale visita di routine alla prostata.

Gli uomini che hanno superato i 60 anni di età dovrebbero stare attenti alla propria prostata più di un giovane, ma perché e cosa può accadere alla prostata con l’avanzare degli anni? Oltre a infiammazioni e ingrossamento della prostata, potrebbero comparire calcoli dolorosi nella ghiandola prostatica che potrebbero essere fonte di qualche problemino.

  • Dolori allo scroto;
  • Dolori al pene;
  • Dolori alla schiena;
  • Dolore nell’eiaculazione;
  • Dolore durante la minzione e sangue nelle urine.

In genere i calcoli sono di piccole dimensioni e in alcuni casi possono rimanere ignorati fino a quando non si aggregano in un calcolo di maggiori dimensioni. Nel caso in cui i piccoli calcoli si aggreghino o si infiammino, il paziente affetto potrebbe iniziare ad avvertire dolore.